Spedizione GRATUITA a partire da 40€
Precedente
Successivo
Fiocchi di avena

Fiocchi d’avena: i veri amici del benessere

Giorgia Attioli

Tabella dei Contenuti

I fiocchi d’avena sono un vero e proprio toccasana per il nostro benessere.

Vediamo insieme perché partendo dalla loro origine: l’avena.

L’avena (Avena sativa) è una pianta della famiglia delle graminacee originaria dell’Asia Minore, il cui chicco è ricco di proprietà benefiche per l’organismo.

Rispetto ad altri cereali, come frumento e orzo, anche dopo la lavorazione mantiene la crusca e il germe, ossia le parti del chicco in cui si trova la maggior parte dei nutrienti.

 

fiocchi d'avena

 

Cos’è l’avena e come viene trasformata in fiocchi?

I fiocchi d’avena vengono ottenuti dall‘essicazione e pressatura dei chicchi di avena, privati dei loro rivestimenti, crusca compresa. Il chicco bianco viene poi frantumato, cotto al vapore, ridotto in scagliette passando sotto ad appositi rulli e leggermente tostato, trasformandosi in ultimo in fiocchi di avena.

L’avena è molto versatile e, oltre alla forma in fiocchi, possiamo trovarla in altre versioni benefiche per la salute e molto utili in cucina: farina, chicchi, crusca, avena istantanea e bevanda vegetale.

 

Un po’ di storia sui fiocchi d’avena

Tracce delle prime coltivazioni di avena risalgono al 4000 a.c. nelle zone dell’Asia Centrale e dell’Europa centro settentrionale.

Ancora non si parlava di fiocchi d’avena, ma questo cereale risulta, attualmente, tra i cereali più coltivati al mondo, con circa 26 tonnellate prodotte ogni anno. I principali paesi produttori di avena sono: la Russia, gli Stati Uniti, il Canada, la Germania, la Finlandia e la Polonia.

In Italia la produzione non è così elevata, ma quella presente si svolge soprattutto nelle regioni del sud dove, per tradizione e cultura, si ricava anche la biada (foraggio per animali).

L’avena, infatti, inizialmente era un prodotto destinato esclusivamente al consumo animale, erano molto poche le persone che la utilizzavano come fonte di nutrimento, soprattutto le famiglie molto povere.

L’avena ancora oggi viene utilizzata per la biada ma, con il tempo si sono scoperti i suoi preziosi benefici e adesso è molto più presente nelle tavole e nei piatti di tutto il mondo.

 

Proprietà e benefici dei fiocchi d’avena

Questo cereale ha il pregio di conservare tutti i suoi valori nutritivi dopo la brillatura, a differenza degli altri cereali.

Questo perché il germe e la crusca aderiscono alla mandorla e non vengono rimossi. É un cereale molto nutriente ed è quello che ha il più alto contenuto di sali minerali: calcio, magnesio, potassio e ferro.

Inoltre, è una ottima fonte di tiamina (vitamina B1) e soprattutto è ricca di proteine e fibre solubili, i beta-glucani, che si depositano nell’intestino sono in grado di assorbire il colesterolo.

Inoltre l’avena è un cereale a basso indice glicemico ed è fonte di carboidrati a lento rilascio, quindi ideale per chi è affetto da diabete.

Grazie al suo elevato contenuto di fibre è ideale nelle diete ipocaloriche, perché le fibre solubili contenute sono in grado di aumentare il senso di sazietà, stabilizzando al contempo il livello degli zuccheri nel sangue.

E’ consigliata alle donne in gravidanza per la sua ricchezza nutritiva e per il suo notevole contenuto di acido folico.

L’avena favorisce anche il regolare funzionamento della tiroide, dei ritmi sonno/veglia e aiuta a contrastare i disordini dell’appetito.

Grazie al loro elevato valore nutrizionale, sono anche un alimento ideale per chi fa sport. Infatti, forniscono al corpo importanti vitamine e sali minerali, oltre ad essere una buona fonte di proteine.

 

Valori nutrizionali dei fiocchi d’avena

L’avena, sotto il profilo dei valori nutrizionali è, come tutti i cereali, la principale fonte di carboidrati, per la maggior parte complessi. Si tratta pertanto di una fonte di energia a lungo termine: il metabolismo dei glucidi complessi è piuttosto lento, e ciò assicura una fonte di glucosio al nostro organismo anche diverse ore dopo il pasto.

Questo è un ottimo vantaggio soprattutto a colazione: una porzione da 40 g di fiocchi d’avena, un bicchiere di latte (vegetale o vaccino) e della frutta fresca è un buon pasto per iniziare la giornata senza appesantirsi ed evitare il calo glicemico durante la mattinata.

I fiocchi d’avena, su 100g di prodotto, apportano circa 370kcal e contengono: circa 56g di carboidrati (di cui 1g di zuccheri), circa 8g di grassi (di cui 1,4 saturi), 9g di fibre e ben 12g di proteine.

Questi valori si riferiscono ad un prodotto costituito dal 100% di avena.

Nel caso di fiocchi di avena aromatizzati di ottima qualità, invece, ai fiocchi vengono aggiunti solamente aromi naturali, sale ed edulcoranti come il sucralosio, dolcificante artificiale molto più dolce del comune saccarosio, quindi ne basta molto poco per ottenere un prodotto gradevole al gusto senza innalzare l’apporto calorico.

I prodotti contenenti dolcificanti, se consumati in modo frequente e in abbondanza, possono provocare effetti collaterali, soprattutto disturbi intestinali. Questa cosa vale per qualsiasi tipo di prodotto ed alimento che, se consumato in quantità elevate, anche se è definito il più sano, può dare effetti indesiderati.

Per ovviare al problema la soluzione migliore è di seguire una dieta varia ed equilibrata, cercando di mangiare tutto nelle giuste frequenze giornaliere e settimanali.

 

Fiocchi d’avena in cucina

Solitamente se dici fiocchi di avena pensi subito al porridge o “pappa di avena”, antica ricetta che prevede la cottura dei fiocchi nel

latte o in acqua fino ad ottenere un composto morbido e leggermente colloso per poi essere insaporito con spezie e decorato con frutta fresca o frutta secca o cioccolato fondente e gustato a colazione o a merenda.

 

porridge con fiocchi d'avena

 

I fiocchi di avena sono molto versatili e possono essere utilizzati non solo per ricette dolci ma anche salate.

Per le preparazioni dolci, oltre al porridge, si possono creare dei biscotti o può essere uno degli ingredienti di una granola fatta in casa o di un plum cake o una torta.

Nelle ricette salate i fiocchi di avena possono essere aggiunti a zuppe o a delle polpette o alle panature per renderle più croccanti o a torte salate o, perché no per preparare dei porridge salati.

Noi di teisty abbiamo fatto dei fiocchi d’avena uno dei nostri prodotti principali proprio perché così amici del benessere.

Perchè fidarsi di quello che c'è scritto?

Gli articoli e tutte le informazioni che condividiamo sul nostro blog e sui nostri social sono prodotti da esperti del mondo alimentare. Nutrizionisti, biotecnologi alimentari, dietisti…

Ci impegniamo ogni giorno a divulgare informazioni attendibili sul mondo dell’alimentazione perchè crediamo davvero che possano aiutare chi li legge e dare spunti utili.