Spedizione GRATUITA a partire da 40€
Precedente
Successivo
Anacardi

Chi trova gli anacardi trova un tesoro

Camilla Cozzolino

Tabella dei Contenuti

Gli anacardi sono una delle tipologie di frutta secca più presenti sul mercato. Li possiamo trovare tostati, salati, senza sale e in diverse tipologie, ma quanto sappiamo davvero di questo frutto oleoso?

A dispetto infatti delle cugine mandorle e della sorella noce, purtroppo se ne sente ancora molto poco parlare e nelle diete gli anacardi non vengono inclusi lasciando spazio ad altre tipologie di frutta secca.

Ma oggi siamo qui per dirvi che se vi capita di trovarli al super mercato, approfittatene e prendeteli! Sono buonissimi e fanno bene all’organismo.

Vediamo insieme perché.

 

 

frutta secca ed anacardi

 

 

Benefici degli anacardi

Partiamo dai benefici in generale che porta in tavola la frutta secca: sono tanti ed innegabili.

Oltre al gusto, la frutta secca in generale è presente ormai in quasi tutte le diete, anche se rimane qualche prudenza dovuta al contenuto calorico di questi alimenti.

Le innumerevoli proprietà positive della frutta secca sono dovute al contenuto di grassi monoinsaturi e polinsaturi, che fanno bene all’organismo, in primis ai valori di colesterolo in circolo, al contenuto di vitamine, come la A, E, C, K, al contenuto di fibra e ai minerali, quali zinco, magnesio, ferro, potassio, fosforo e calcio.

Tra le varie tipologie di frutta secca ritroviamo come abbiamo detto quelle più utilizzate come mandorle, noci, nocciole, pistacchi ecc e gli anacardi chiaramente.

Gli anacardi sono ricchi di grassi buoni come precedentemente detto e possiedono un discreto contenuto proteico costituito da aminoacidi, tra cui acido glutammico, acido aspartico, metionina, arginina e alanina.

A tal proposito gli anacardi sono anche un’ottima fonte di triptofano, uno dei più importanti neurotrasmettitori del nostro organismo, ma soprattutto amminoacido essenziale precursore della serotonina, l’ormone che conferisce il buon umore, donando una sensazione di benessere e relax, che influisce positivamente anche sulla sessualità e sulla temperatura corporea.

Per tale motivo gli anacardi sono considerati dei e veri e propri antidepressivi naturali, sostenitori del benessere psico-fisico.

Inoltre il triptofano è precursore della melatonina, ormone che regola i ritmi sonno-veglia, per cui consumare anacardi è decisamente utile per migliorare la qualità del sonno.

Tra i minerali che sono presenti negli anacardi troviamo invece un contenuto importante di potassio, fosforo e magnesio. Quest’ultimo è utile per il buon funzionamento del sistema nervoso, per la salute del tessuto muscolare e per le ossa.

Il contenuto di ferro, invece, contrasta l’attività dei radicali liberi, proteggendoci dai danni dell’invecchiamento mentre la presenza di rame, componente essenziale di numerosi enzimi, ci protegge da eventuali problemi di osteoporosi.

 

Da non dimenticare vi è l’abbondante quantità di fibra alimentare degli anacardi che sembrerebbe farne un buon alimento preventivo e curativo per la stipsi o stitichezza.

 

 

 

anacardi e benessere

 

 

Tanti benefici si ma qualche controindicazione degli anacardi

Gli anacardi possono presentare delle controindicazioni per quelle persone che stanno seguendo un regime alimentare a basso contenuto di calorie.

Essi infatti contengono una percentuale elevata di calorie e vanno consumati con moderazione. Gli anacardi offrono circa 550 calorie ogni 100 grammi, 157 calorie per porzione (28 gr circa). Ecco perché, nonostante siano frutti estremamente benefici, vanno consumati con una certa moderazione.

Nelle giuste porzioni, però, non danno alcun problema soprattutto se si vuole soltanto prediligere uno stile di vita sano!

Rispetto ad altro genere di frutta secca, poi, gli anacardi non contengono colesterolo. Sono quindi uno snack salutare e adatto anche a chi vuole perdere peso (a patto ovviamente di non esagerare nel consumo).

Si può scegliere ad esempio di mangiarli una o due volte a settimana in una dose di 15-20 grammi.

Quando consumare gli anacardi?

I momenti migliori per consumare gli anacardi sono al mattino, a colazione, in aggiunta ad uno yogurt contenente anche cereali integrali, oppure in alternativa come snack durante gli spuntini, in quanto il contenuto proteico è altamente saziante.

In entrambi i casi utilizzare questo alimento ci permette sicuramente di fare un pieno di energia.

Sono inoltre utilissimi nelle loro versione cremose, come le paste pure per addolcire e dare più sapore ai porridge oppure alle torte e a qualsiasi ricetta come topping sano e gustoso.

 

Che aspetti quindi, vai a provarli?

Noi ti suggeriamo di sì e anzi abbiamo lanciato per il tuo benessere e per prenderci cura del tuo stile di vita sano e gustoso la nostra pasta pura di anacardi!

Perchè fidarsi di quello che c'è scritto?

Gli articoli e tutte le informazioni che condividiamo sul nostro blog e sui nostri social sono prodotti da esperti del mondo alimentare. Nutrizionisti, biotecnologi alimentari, dietisti…

Ci impegniamo ogni giorno a divulgare informazioni attendibili sul mondo dell’alimentazione perchè crediamo davvero che possano aiutare chi li legge e dare spunti utili.

Ingredienti:

L’eritritolo in polvere è su teisty, corri a scoprirlo!