Spedizione GRATUITA a partire da 40€
Precedente
Successivo

La  dipendenza da zucchero: i 5 segnali principali

Giorgia Attioli

Tabella dei Contenuti

Attualmente, i cibi in commercio risultano molto ricchi di zucchero, a tal punto da ritenere che proprio questa sia una delle cause principali della vera e propria epidemia di obesità che affligge molti Paesi, soprattutto quelli occidentali.

Il sovradosaggio di zuccheri, infatti, non solo porta ad un aumento esponenziale della quantità di calorie ingerite quotidianamente, ma anche ad una vera e propria dipendenza (“dipendenza da zucchero”) verso questo tipo di nutrienti.

I segnali principali

  • Desiderio incontrollabile di zucchero;
  • Non hai fame ma cerchi comunque il dolce;
  • Ti senti affaticato dopo aver mangiato i dolci;
  • Eccedi con il consumo di frutta;
  • Quando sei stressato cerchi i dolci.

La dipendenza è una condizione medica tale per cui le persone manifestano un desiderio incontrollabile verso l’assunzione di una qualche sostanza.

Anche l’assunzione di zuccheri può portare, proprio come le classiche droghe, ad una vera e propria dipendenza; molte persone, infatti, non sono in grado di controllare il proprio impulso, definito craving, verso l’assunzione di qualcosa di dolce.

Craving, impulso incontrollabile verso l'assunzione di qualcosa di dolce.
Craving, impulso incontrollabile verso l’assunzione di qualcosa di dolce.

Gli zuccheri possono modificare la concentrazione di dopamina e di altri recettori cerebrali come la serotonina, implicati nella percezione di sentimenti quali felicità e soddisfazione.

La forma più comune di zucchero è il saccarosio che, una volta ingerito, viene scisso in due componenti più piccoli, glucosio e fruttosio, a livello dell’apparato digerente dell’organismo.

Il livello di glucosio nel corpo umano viene regolato da due diversi enzimi, insulina e glucagone, entrambi importanti per il metabolismo di questo zucchero.

In seguito all’ingestione ed alla degradazione dello zucchero, le molecole di glucosio vengono poi assorbite e distribuite in tutte le cellule del corpo, principalmente grazie al lavoro di un gruppo di proteine, dette GLUT, responsabili del trasporto del glucosio all’interno del flusso sanguigno. Il principale trasportatore delle molecole di glucosio fino al cervello viene detto GLUT1.

Il tessuto cerebrale risulta essere il principale tessuto umano a non essere in grado di tollerare bassi livelli di glucosio, dal momento che i neuroni non possiedono l’abilità di immagazzinare lo stesso per poi poterlo utilizzare in momenti di carenza di zuccheri, necessitando quindi di un continuo apporto energetico. Proprio per questo, il cervello risulta essere il principale consumatore di glucosio, nonché il primo ad essere rifornito di questa sostanza.

Comunemente le persone ammettono di mangiare alimenti dolci, per sentirsi più felici e, anatomicamente parlando, non affermano nemmeno il falso.

Il consumo di zuccheri, infatti, comporta un maggior rilascio all’interno del sistema del neurotrasmettitore serotonina, responsabile della sensazione di benessere e felicità.

Gli zuccheri, però, stimolano anche il rilascio di insulina, che, in caso di necessità, normalizza i livelli di glucosio e, quando questi ultimi raggiungono una concentrazione relativamente bassa, l’organismo percepisce nuovamente l’impulso ad assumere zuccheri per ripristinare la sensazione di benessere precedente. Ciò che risulta da questo circolo vizioso di costante consumo di dolci, è, in ultima analisi, la dipendenza da zuccheri, con annessa sovra-alimentazione e, sul lungo periodo, obesità.

La causa principale della dipendenza da zucchero

Un’alimentazione sregolata, priva o carente delle fibre contenute in frutta e verdure fresche e povera di proteine vegetali o animali magre, risulterà ricca di carboidrati e dolci.

Gli alimenti che contengono zuccheri raffinati in grandi quantità, sono carenti di quei principi nutritivi (fibre, proteine, vitamine, minerali) in grado di rallentare la velocità di assorbimento dello zucchero stesso.

Alimenti zuccherosi, zucchero, cause della dipendenza da zucchero

I livelli elevatissimi ed improvvisi di glucosio circolante (picchi glicemici), dopo il consumo di alimenti e bevande ricchi di zucchero, stimolano il pancreas nella produzione di insulina, ormone importantissimo per far passare il glucosio nelle cellule.

Dopo ogni picco glicemico la produzione di questo ormone è davvero massiccia. Questo provoca, in poco tempo, uno stato di ipo-glicemia ovvero di eccessiva carenza di zuccheri nel sangue.

Il nostro corpo allora, manda segnali potenti al cervello, dicendogli che occorre assumere di nuovo zuccheri, per colmare questa carenza. Si innesca un circolo vizioso in cui il bisogno di zuccheri (carving) diventa sempre più pressante.

L’eccesso di zuccheri favorisce l’obesità, il diabete e l’insorgenza di patologie

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la dose giornaliera di zuccheri consigliata non deve superare il 10% del totale calorico giornaliero.

Un consumo eccessivo abbinato alla sedentarietà, determina insulino-resistenza, le cellule, cioè diventano insensibili all’insulina stessa, provocando molte condizioni patologiche quali iperglicemia, sovrappeso e obesità.

Obesità, diabete e insorgenza di patologie. La dipendenza da zucchero

A seguito di numerosi studi è stato visto che esiste una relazione tra un alto consumo di cibi ricchi di zucchero e la produzione di molecole infiammatorie, condizioni che a loro volta possono stimolare lo sviluppo di tumori.

Come superare la dipendenza da zuccheri

La prima cosa da fare è sicuramente quella di seguire un’alimentazione corretta.

Tutte le categorie alimentari sono fondamentali per una buona salute, anche i carboidrati e gli zuccheri.

Quindi, quello che è opportuno fare non è eliminarli del tutto ma imparare a sceglierli e a dosarli.

Ecco alcuni consigli:

  • Ridurre gradualmente lo zucchero e gli alimenti che ne contengono in quantità elevate.
  • Non eliminare totalmente i carboidrati dalla tua dieta.
  • Non esagerare con il consumo di carni, latticini o uova, soprattutto per non esagerare con i grassi animali.
  • Sostituire gli snack dolci a colazione, durante il giorno o la sera, con alternative gustose ma più sane.
  • Bere acqua per raggiungere più velocemente il senso di sazietà.
  • Evitare le acque aromatizzate, thè freddi industriali e bibite gassate.
  • Fare attività fisica regolarmente 

Vuoi saperne sempre di più sull’alimentazione sana e gustosa? Iscriviti alla nostra newsletter e seguici su Instagram per rimanere sempre aggiornato o se vuoi suggerci nuovi spunti per altri articoli!

Perchè fidarsi di quello che c'è scritto?

Gli articoli e tutte le informazioni che condividiamo sul nostro blog e sui nostri social sono prodotti da esperti del mondo alimentare. Nutrizionisti, biotecnologi alimentari, dietisti…

Ci impegniamo ogni giorno a divulgare informazioni attendibili sul mondo dell’alimentazione perchè crediamo davvero che possano aiutare chi li legge e dare spunti utili.